Articoli

Anche il Consorzio di Tutela del Formaggio Ragusano Dop fa parte dell’Associazione DOS (denominazione di origine siciliana) costituita venerdì scorso a Catania ed al cui atto costitutivo hanno partecipato la quasi totalità dei consorzi operanti in Sicilia. Una scelta ben precisa sulla quale il Consorzio, condividendo un sinergico orientamento dell’assessorato regionale dell’agricoltura, lavora da tempo in sintonia con i consorzi degli altri formaggi dop siciliani (coi quali sono state realizzate iniziative comuni che hanno fatto registrare lusinghieri risultati), ed in linea con l’azione del DiProSiLac che è impegnato a mettere in rete tutte le strutture promozionali della filiera lattiero casearia con lo scopo primario di valorizzare il latte munto in Sicilia ed i latticini ed i formaggi, tutti di grande valore, ottenuti dalla sua lavorazione. Aderendo alla DOS, il consorzio del Ragusano dop, oltre a rispondere ad una condivisa strategia regionale, ha voluto ulteriormente concretizzare una volontà da tempo ed in più occasioni manifestata, di perseguire obiettivi di grande valore enogastonomico e di contribuire con un prodotto di valore ed ampiamente affidabile sul piano organolettico e sotto l’aspetto della qualità, a dare corpo a quella dieta mediterranea ovunque apprezzata.

Il passo fatto – spiega Giuseppe Occhipinti, presidente del Consorzio – ci convince. La costituzione dell’associazione DOS è un importante punto di partenza, per un percorso sicuramente importante per tutte le eccellenze siciliane che creando un sistema unico possono legare le loro denominazioni al valore del nome della nostra regione,  Sicilia, conosciuto in tutto il mondo, non solo per le cronache non positive, ma anche e soprattutto per le sue potenzialità produttive, turistiche e, per quello che interessa principalmente noi, enogastronomiche. Siamo gradi all’assessore Bandiera, al dirigente generale Dario Cartabellotta ed al dirigente Pietro Miosi, per aver rispettato gli impegni assunti in occasione di Caseus Siciliae svoltasi a Ragusa lo scorso mese di ottobre